Perchè non vacciniamo i nostri Dogo

 I nostri cani sono nel bel mezzo di un'epidemia. Non è un'epidemia di malattie virali, ma di problemi di salute cronici. Un cane su cento soffre di epilessia, un numero ancora più elevato convive con artriti e artrosi, le allergie varie stanno diventando la normalità .
Le malattie allergiche ed autoimmuni sono cresciute dall'introduzione dei vaccini a virus vivo modificato. Le malattie autoimmuni sono quelle in cui il corpo attacca sé stesso e includono cancri, leucemie, malattie della tiroide, morbo di Addisons, malattia di Grave, anemia emolitica autoimmune, artrite reumatoide, diabete, lupus, trombocitopenia, insufficienza d'organo, infiammazioni della pelle ed altre.
Inoltre sembra esserci un enorme numero di cani con problemi comportamentali, in gran parte a causa di sovra-vaccinazione e alimenti industriali. I vaccini sono noti per causare infiammazione del cervello, così come lesioni in tutto il cervello e nel sistema nervoso centrale. Il termine medico per questo è ‘encefalite', e il ruolo del vaccino è riconosciuto nel manuale Merck. Merck è un produttore di vaccini.
Fino a qualche anno fa abbiamo sempre vaccinato i nostri cani in maniera rigorosa, alimentati con crocchetta di ottima produzione, ma i problemi di allergie varie sono sempre stati una costante.
I vaccini possono innescare atopia (allergie cutanee). Le malattie retrovirali, parvovirali e vaccini possono essere associati con linfoma, leucemia, insufficienza d'organo, malattie della tiroide, malattia adrenale, malattia pancreatica e disordini del midollo osseo.
Se analiziamo attentamente per che cosa vacciniamo i nostri cani ci accorgeremmo che:
I vaccini contro il cimurro o le parvovirosi hanno una durata minima di circa sette anni e si può concludere che possano proteggere il cane per tutta la vita, il cimurro è così raro che molti veterinari non lo vedono da almeno dieci anni. Allora perchè si insiste a far vaccinare i cani una volta all'anno o addirittura una volta ogni sei mesi?Soprattutto se si considera il rischio?
Anche il vaccino contro la rabbia sembra dare una protezione per minimo tre anni.
Il richiamo per la rabbia fatto dopo un anno sembra non produca alcun effetto a livello immunitario eppure tutti praticano tale protocollo. Dai richiami annuali i cani non ricevono nessun beneficio e possono correre dei rischi nel ricevere un vaccino inutile. La raccomandazione a vaccinare i cani ogni anno risale al 1978 epoca in cui la Rabbia Silvestre si è diffusa in Italia.
I cani sviluppano immunità permanente all'epatite sopra l'età di 12 settimane. Quindi perché continuare a vaccinare contro questa malattia? La tosse dei canili è trattata facilmente nella maggior parte dei casi, e il vaccino non è molto efficace. Quindi qual è il punto? La leptospirosi è rara e il vaccino copre solamente 4 dei 10 ceppi conosciuti. Il vaccino è associato ad alcune delle peggiori reazioni avverse, per cui non è forse il vaccino ad essere pericoloso?
Ad ogni modo per quello che ci riguarda abbiamo deciso di NON VACCINARE i nostri Dogo, la pratica può essere condivisa o meno, ma è quello che abbiamo deciso.